2018 - Cancro del seno


Pannello di Controllo Moderatore
admin
Site Admin
Messaggi: 175
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

2018 - Cancro del seno

Messaggioda admin » mar 2 ott 2018 15:10

Avete domande sul cancro del seno? Fino al 31 ottobre la Prof. Dr. med. Monica Castiglione, specialista in oncologia senologica, e Monika Biedermann, Breast Care Nurse, rispondono alle domande scritte degli utenti. Trovate maggiori informazioni e il link per il formulario sulla Pagina iniziale del forum.

Fino ottobre le vostre domande e le risposte della Prof. Dr. med. Monica Castiglione e Monika Biedermann saranno pubblicate qui.

Cordiali saluti dalle moderatrici.

admin
Site Admin
Messaggi: 175
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

Fibroadenoma doloroso

Messaggioda admin » lun 15 ott 2018 11:02

Domanda di Yelena

Salve
circa un anno fa ho scoperto un nodulo al seno destro. Dalla biopsia è risultato trattarsi di un fibroadenoma benigno. Il nodulo, però, mi fa male. Tengo un diario del mio ciclo mestruale e non riscontro alcuna corrispondenza, cioè il nodulo mi duole a volte durante le mestruazioni, a volte dopo l’ovulazione e a volte prima delle mestruazioni. Non sono neppure riuscita a capire se è cresciuto. Questi dolori sono normali per il fibroadenoma? Cosa potrebbe significare (cambiamento? Crescita? Ormoni?)

Risposta del prof. dr. med. M. Castiglione

Salve Yelena

Lei si chiede se è normale che un fibroadenoma causi dolore e cosa potrebbe significare.

Il fibroadenoma è un tumore benigno e non una malattia oncologica. È un tumore che dipende degli ormoni. Si pensa che l’insorgenza del fibroadenoma sia favorita da una relativa «preponderanza» dell’estrogeno rispetto al progesterone. Alcuni studi sperimentali fanno supporre che uno squilibrio ormonale con una relativa preponderanza dell’estrogeno sul progesterone conducano alla formazione di fibroadenomi. Come Lei ha potuto constatare personalmente, non c’è una relazione tra il dolore e le fasi del ciclo mestruale: infatti la proliferazione delle cellule all’interno del fibroadenoma è indipendente dal ciclo.
Si suppone che i fibroadenomi crescano in un periodo compreso tra tre mesi e tre anni. In seguito, se crescono lo fanno molto lentamente. Spesso le dimensioni rimangono costanti. La maggior parte dei fibroadenomi raggiunge il diametro di 2 o 3 centimetri.
Lei spiega che il fibroadenoma Le è stato scoperto un anno fa e può darsi che stia crescendo e che per questo motivo Le provochi dolore. Ne parli col Suo medico di fiducia.

admin
Site Admin
Messaggi: 175
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

È ancora possibile la rimozione del secondo seno?

Messaggioda admin » lun 22 ott 2018 15:22

Domanda die Romeo

Salve,
siccome mia moglie è disabile, mi rivolgo io a questo prezioso forum in sua vece.

Sette anni fa, dopo una prima operazione nella quale le era stato mantenuto il seno, a mia moglie fu detto che avrebbe dovuto sottoporsi a una seconda operazione per l’asportazione completa della mammella, poiché le cellule cancerogene si erano diffuse in tutto l’organo. L’operazione fu eseguita. Siccome mia moglie non voleva la ricostruzione del seno, oggi utilizza una protesi che mette nel reggipetto. Tuttavia, ciò è molto faticoso anche a causa della sua disabilità, poiché è fortemente ipovedente e negli ultimi anni la sua vista è ulteriormente calata. Al punto che da tanto tempo si rimprovera di non essersi fatta togliere entrambe le mammelle già 7 anni fa, così non avrebbe più questo peso e potrebbe mettere due protesi nel reggipetto e il problema sarebbe risolto!

Questo suo desiderio è diventato ancora più forte da quando ha sentito dire che negli USA si possono far togliere entrambi i seni, se non è un problema per le persone interessate, visto che – come detto – mia moglie non ne vorrebbe la ricostruzione!

E ora la domanda: qualcuno sa se ciò si può eseguire adesso, ossia in un secondo momento, e dove e a chi ci si può rivolgere, a parte naturalmente la ginecologa? O si tratta piuttosto di qualcosa che riguarda la chirurgia estetica? Questo aspetto però non possiamo prenderlo in considerazione, visto che l’altro seno è stato amputato per il cancro.

Vi ringrazio fin d’ora anche a nome di mia moglie per la risposta molto importante soprattutto per lei e vi auguro un bell’autunno!

Cari saluti
Romeo

Risposta del prof. dr. med. M. Castiglione

Salve Romeo

Sette anni fa a Sua moglie è stato tolto una mammella a causa del cancro. Ora vi chiedete se sarebbe (ancora) possibile amputare anche l’altro seno.
L’amputazione di entrambi i seni è indicata dal punto di vista medico solo in alcuni casi e in Svizzera viene effettuata nei casi che appunto lo richiedono. Anche negli USA, in linea di principio, vengono amputati entrambi i seni quando lo si ritiene necessario dal punto di vista medico e solo raramente su richiesta della paziente.

A distanza non è possibile giudicare se per Sua moglie l’amputazione della seconda mammella sia indicata dal punto di vista medico. Per chiarire la situazione le suggerisco di porsi alcune domande: perché Sua moglie vorrebbe farsi amputare il seno sano? Perché vorrebbe sottoporsi ad un’operazione con tutti i rischi che essa comporta?

Io consiglio a Sua moglie e a Lei di rivolgersi ad un centro certificato specializzato sul seno e di parlarne in quella sede.

Vi faccio tanti auguri

admin
Site Admin
Messaggi: 175
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

Cancro del seno, e dopo?

Messaggioda admin » mer 7 nov 2018 15:30

Domanda di mbombotherese

È possibile che dopo il trattamento di un cancro del seno sia colpita anche l'altra mammella, oppure può esserci il rischio di una recidiva nella mammella operata? La figlia di una donna colpita da cancro del seno è obbligatoriamente esposta alla stessa malattia? Dopo il trattamento di un cancro del seno, la durata della vita è uguale a quella degli altri o si accorcia?


Risposta della Prof.ssa M. Castiglione
Buongiorno, Lei non precisa se è Lei stessa la persona colpita dal cancro del seno. Tuttavia, mi sembra evidente che queste domande sorgono da una situazione che conosce e che La preoccupa. Provo a risponderle punto per punto.
  • 1) È possibile che dopo il trattamento di un cancro del seno sia colpita anche l'altra mammella oppure può esserci il rischio di una recidiva nella mammella operata?
    Sì, esistono entrambe le possibilità. Tuttavia, il trattamento chirurgico, all’occorrenza combinato con una radioterapia e/o una terapia farmacologica, e i controlli frequenti mirano a evitare una recidiva. Per l'altra mammella, il medico curante raccomanderà un programma di riconoscimento precoce adattato alla situazione individuale della donna colpita.

    2) La figlia di una donna colpita da cancro del seno è obbligatoriamente esposta alla stessa malattia?
    No, non è obbligatoriamente esposta a un cancro del seno. Quello che si sa è che se una sua parente prossima (madre, sorella, figlia) ha o ha avuto un cancro del seno, una donna ha un rischio maggiore di sviluppare il tumore. Tuttavia, solo tra il 5 e il 10 per cento dei tumori maligni del seno è dovuto a una predisposizione ereditaria. Il ginecologo è in grado di informare specificatamente la figlia sulla sua situazione individuale. In seguito potranno decidere insieme se sia opportuno ricorrere a una consulenza genetica e se intensificare gli esami di diagnosi precoce.

    3) Dopo il trattamento di un cancro del seno, la durata della vita è uguale a quella degli altri o si accorcia?
    L'aspettativa di vita dipende dal decorso della malattia ma anche da molti altri fattori, come per tutti noi esseri umani. Quindi non disponiamo di dati precisi su questo aspetto specifico. Se è stata raggiunta una guarigione completa dal cancro e non si manifestano recidive, le prospettive sono molto buone. È di aiuto seguire uno stile di vita sano: non fumare, preferire bibite non alcoliche, mantenere un peso normale, adottare un'alimentazione equilibrata, fare sufficiente movimento fisico.
Le auguro ogni bene.


Torna a “Cancro del seno”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite