2019 - La salute al maschile, tumori maschili


Pannello di Controllo Moderatore
admin
Site Admin
Messaggi: 238
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

2019 - La salute al maschile, tumori maschili

Messaggioda admin » mar 29 ott 2019 16:22

Da inizio novembre a metà dicembre 2019 tre esperti risponderanno per iscritto alle Sue domande sul Forum cancro.

Alcune domande e risposte sono state tradotte in un’altra lingua nazionale. Se dovessero sorgere domande o ambiguità, favorite rivolgervi alle consulenti specializzate della Linea cancro. Numero gratuito 0800 11 88 11 oppure e-mail helpline@krebsliga.ch

Le presenti risposte sono una presa di posizione di carattere generale. Non si può infatti sostituire la consulenza personale con il parere di uno specialista qualificato in medicina. Se in un articolo vengono citati determinati medici, impianti terapeutici o prodotti, ciò non avviene a titolo di pubblicità o di raccomandazione, ma va inteso semplicemente come accenno ad altre fonti informative.
Ulteriori domande e risposte saranno pubblicate qui di seguito nei prossimi giorni.

Trovate maggiori informazioni e il link per il formulario sulla Pagina iniziale del forum.

Cordiali saluti dalle moderatrici.

admin
Site Admin
Messaggi: 238
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

La masturbazione come profilassi del cancro della prostata

Messaggioda admin » lun 11 nov 2019 11:44

Domanda di HR
Egregio signore,
mi permetto di porle una domanda di natura intima. All’origine di questa domanda vi sono i problemi alla prostata di mio fratello. Alla mia età (71 anni) l’astinenza sessuale assoluta è dannosa per la prostata e fa aumentare il rischio di cancro alla prostata?

«Tuttavia, a tal proposito la masturbazione è sempre meglio dell’astinenza sessuale completa», afferma Korda.
La ringrazio per una breve risposta.

Risposta del PD Dr. med. Omlin
Buongiorno,

Lei ha letto che, per prevenire il cancro alla prostata, la masturbazione è meglio dell’astinenza sessuale. Ora si pone la domanda se l’astinenza aumenti il rischio di cancro della prostata.
Sicuramente Lei non è l’unico a porsi questa domanda, ma la maggior parte delle persone non osa esprimere domande intime.

Nel 2017 è stato eseguito uno
studio sul tema. I suoi risultati però non poggiavano su basi scientifiche sufficientemente solide per poterli includere nelle misure di prevenzione.

Presso il servizio informazioni del Centro tedesco di ricerca sul cancro (Deutsches Krebsforschungzentrum) ho trovato la seguente nota: Allo stato attuale della ricerca, tra i fattori che non aumentano il rischio, rientrano l’attività sessuale nulla, scarsa o particolarmente pronunciata (fonte: www.krebsinformationsdienst.de/tumorart ... ktoren.php © 2019 Krebsinformationsdienst, Deutsches Krebsforschungszentrum)

Se un Suo parente di sesso maschile (fratello o padre) è affetto di cancro della prostata, Lei ha ovviamente una maggiore probabilità di ammalarsi di cancro della prostata. Se così fosse, Le consiglio di consultare il Suo medico riguardo i vantaggi e gli svantaggi degli esami di diagnosi precoce. Trova ulteriori informazioni nell’opuscolo
«Accertamento diagnostico precoce del cancro della prostata».

Lei stesso può ridurre attivamente il rischio facendo regolarmente del movimento fisico, mangiando in modo sano, bevendo poco alcol ed evitando il sovrappeso. Si informi presso la Lega contro il cancro sui diversi aspetti di uno stile di vita sano.

Cordiali saluti

admin
Site Admin
Messaggi: 238
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

I segreti del latte materno

Messaggioda admin » mar 19 nov 2019 14:09

Domanda di familiare
Buongiorno,
mio padre ha un cancro alla prostata. Mi ricordo di aver visto all’inizio di quest'anno una trasmissione televisiva in cui dicevano che ci sarebbe stato un trattamento contro il cancro della prostata con un principio attivo basato sul latte materno. Può darmi più informazioni in merito?
Grazie della sua risposta.

Risposta del Dr. med. R. Cathomas
Buongiorno,
probabilmente Lei si riferisce alla puntata del 14.03.2019 del programma «Einstein» della televisione della Svizzera tedesca:
I segreti del latte materno , in cui si riportava quanto segue.
All’Università di Lund, in Svezia, sono in corso ricerche sul latte materno. In particolare si studia una proteina presente nel latte materno, chiamata «Amleto». Per caso si è osservato che le cellule tumorali morivano immediatamente dopo il contatto con questa proteina, mentre il tessuto sano rimaneva illeso. Questa reazione è stata osservata nelle cellule di circa 40 tipi di tumore, tra cui quello del seno, del fegato, del cervello, della vescica, della pelle e la leucemia. Sono stati effettuati ulteriori test di laboratorio e su modelli animali. Uno studio condotto sui topi ha prosotto risultati promettenti riguardo al cancro colorettale. Per questo esperimento è stato necessario produrre un complesso chimico: la α-lattoalbumina (la proteina «Amleto») isolata dal latte materno è stata mescolata con un acido grasso del corpo umano. Nel filmato sono intervenute la prof. Catarina Svanberg, immunologa, e il dottor Aftab Nadeem. Dopo 20 anni di ricerche, ora è stata autorizzata una prima sperimentazione clinica su pazienti affetti da cancro della vescica. Ma prima che da questi esperimenti venga sviluppato un eventuale farmaco contro il cancro ci vorranno anni, se non decenni. Per cui per il momento questa molecola non è un’alternativa per il trattamento del cancro della prostata o di qualsiasi altro cancro.
Qui trova un elenco delle pubblicazioni dell’Università di Lund sulla proteina «Amleto».
L’opuscolo della Lega contro il cancro
«Cancro della prostata» riassume la diagnosi e le terapie del cancro della prostata.

admin
Site Admin
Messaggi: 238
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

Cancro del pene in seguito a fimosi?

Messaggioda admin » mar 19 nov 2019 14:30

Domanda di Clement:
Salve, ho 15 anni, una fimosi piuttosto pronunciata (dalla nascita) e due palline dure al di sopra del pene, nella zona dei peli pubici. Anche se è molto raro a questa età, sembra un cancro del pene, no?

Risposta del Dr. med. Richard Cathomas:
Salve Clement,
Lei soffre di una fimosi piuttosto pronunciata e si preoccupa per due piccole palline dure al di sopra del pene, nella zona dei peli pubici. Sospetta un cancro del pene.
Il cancro del pene è molto raro e colpisce prevalentemente gli uomini di età superiore ai 60 anni.
Tuttavia Lei fa bene a preoccuparsi della Sua salute e a cercare informazioni serie da fonti affidabili. Mi congratulo con Lei per questa sua iniziativa!
In caso di anomalie sospette è importante superare un eventuale imbarazzo e consultare immediatamente un medico. È quello che Le consiglio di fare.
Lo so, non è facile mostrare i propri organi genitali a uno sconosciuto e farli anche toccare. Ma tenga presente che quello che per il paziente è strano e spiacevole, rappresenta la routine quotidiana per un medico.
Le consiglio di consultare prima il Suo medico di famiglia e poi, se necessario, un urologo (anche per la fimosi). Parlando col medico affronti il tema della
vaccinazione contro l’HPV (se non è già vaccinato). Anche l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) fornisce informazioni a questo proposito .
Si faccia coraggio e vada dal medico: dopo la consultazione, saprà di cosa si tratta.

admin
Site Admin
Messaggi: 238
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

Il cancro al seno nell'uomo

Messaggioda admin » gio 28 nov 2019 13:38

Domanda di DJ:
Salve,
da circa 3 settimane ho un indurimento sotto il seno sinistro, vicino al capezzolo. Non sembra un nodulo (anche se non so com'è un nodulo al tatto!), ma piuttosto un indurimento. Premendo su questo indurimento mi fa male. Inoltre il seno sembra come teso, sento un certo bruciore. L'indurimento va fin sotto il capezzolo e il tessuto circostante sembra normale. Da circa 1 settimana e mezzo questo indurimento mi fa male (forse anche perché premo e tasto continuamente questa zona). Preciso: sento questo indurimento solo stando seduto e in piedi. Se palpo la zona stando sdraiato non noto niente.

Sono alto circa 1,80m e peso

Risposta del Dr. med. Richard Cathomas:
Buongiorno,
riassumo la situazione: Lei ha esaminato il seno e ha scoperto c'è un indurimento dolorante sotto al seno sinistro che va fin sotto il capezzolo. Dalla sua descrizione, presumo che tema di avere il cancro del seno. Certamente il suo pensiero non è assurdo, visto che il cancro del seno può colpire anche gli uomini, ma si tratta di una malattia estremamente rara. Inoltre, specialmente nel caso del cancro del seno, la prognosi è molto buona se la diagnosi viene fatta tempestivamente. Tuttavia l'anomalia che ha notato può benissimo essere innocua. Dal momento che stando sdraiato non sente l'indurimento, mi sembra improbabile che vi sia una patologia.
In tutti gli embrioni i capezzoli si sviluppano molto presto, indipendentemente dal sesso che l'embrione assume in seguito. In questo processo evolutivo si sviluppano delle ghiandole collegate ai dotti del latte, che terminano nel capezzolo. Quindi sotto il capezzolo il tessuto è molto denso; facendo una leggera pressione bilaterale sull'areola, si avverte una certa resistenza. Delle volte si avverte la presenza di un nodulo, senza però poterne descrivere la forma. Il tessuto dei capezzoli e delle areole è delicato e quindi va tastato molto delicatamente.

Vorrei incoraggiarla a parlarne con il suo medico di famiglia e farsi visitare prima da lui. Se necessario il medico la manderà da uno specialista.

Sul sito internet della Lega svizzera contro il cancro trova informazioni sul
cancro del seno nell'uomo e sulla prevenzione e diagnosi precoce del cancro del seno.


Torna a “Prevenzione della salute e tumori maschili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite