2022 – La salute al maschile, tumori maschili


Pannello di Controllo Moderatore
admin
Site Admin
Messaggi: 421
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

2022 – La salute al maschile, tumori maschili

Messaggioda admin » lun 31 ott 2022 10:50

Avete domande sul la salute al maschile, tumori maschili?
Da inizio novembre a metà dicembre 2022 quattro esperti risponderanno per iscritto alle Sue domande sul Forum cancro.


PD Dr. med. Dominik Abt, medico specialista in urologia, sottospecialità chirurgia urologica, Co-primario del servizio di urologia del centro ospedaliero di Bienne
Guido Biscontin, specialista di diagnosi precoce presso la Lega svizzera contro il cancro
PD Dr. med. Richard Cathomas, specialista FMH in oncologia medica e medicina interna generale, sostituto primario di oncologia/ematologia all’Ospedale cantonale grigionese
PD Dr. med. Aurelius Omlin, medico di oncologia, spécialista di diagnosi e cura dei tumori uro-genitali., centro di oncologia Onkozentrum, Clinica Hirslanden di Zurigo

Trovate maggiori informazioni e il link per il formulario sulla Pagina iniziale del forum.

Cordiali saluti,
le moderatrici

admin
Site Admin
Messaggi: 421
Iscritto il: ven 28 apr 2006 6:19
Località: Berna
Contatta:

La terapia per il mieloma multiplo aumenta il rischio di cancro della prostata e del testicolo?

Messaggioda admin » ven 4 nov 2022 16:58

Domanda di PP
Buongiorno
All’età di 57 anni ho seguito una terapia per il mieloma multiplo con melfalan e lenalidomide. Ho un rischio più elevato di ammalarmi di un tumore maschile?
Risposta di PD Dr. med. Aurelius Omlin
Secondo la letteratura medico scientifica, l’impiego di sostanze attive alchilanti può essere associata allo sviluppo di tumori secondari. In particolare il melfalan in combinazione con la lenalidomide e il prednisone e, in minor misura, con la talidomide e il prednisone, è legato a un rischio aumentato di tumori secondari solidi negli adulti anziani con una nuova diagnosi di mieloma multiplo. Tuttavia il rischio nel complesso è relativamente lieve e deve essere valutato nel contesto globale, ossia tenendo conto dell’età, delle diagnosi secondarie, di altri fattori di rischio (tabagismo, alcolismo) e di un’eventuale predisposizione familiare allo sviluppo di tumori. La Sua domanda è giustificata. È importante porla anche al Suo oncologo/alla Sua oncologa affinché si possano prevedere eventuali esami di diagnosi precoce.


Torna a “La salute al maschile, tumori maschili”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite